Heinz Knöpfle GmbH - Ore di lavoro dei mandrini triplicate

4 giugno 2021

Successo sostenibile grazie all'automazione coerente

Se c'è un'azienda di medie dimensioni che ha riconosciuto il potenziale dell'automazione e sa come sfruttarlo, questa è la Heinz Knöpfle GmbH di Schwabmünden, circa 30 chilometri a sud-ovest di Augsburg. Negli ultimi due anni, l'azienda ha investito in cinque celle robotizzate della sola HALTER CNC Automation.

Come produttore a contratto, Heinz Knöpfle GmbH è specializzata in tornitura, tornitura-fresatura e fresatura. Tra le altre cose, l'azienda produce pezzi torniti precisi e sofisticati, da pezzi singoli a piccole e grandi serie, per una vasta gamma di settori, tra cui l'ingegneria meccanica, la tecnologia medica, la tecnologia di azionamento, la tecnologia delle materie plastiche, l'aviazione e l'industria alimentare, per offrire solo una piccola selezione.

Quasi tutte le macchine automatizzateHalter_Knoepfle_06
Circa 16 anni fa, l'azienda ha acquistato la sua prima macchina da Mazak, che è stata automatizzata un anno dopo con un caricatore di barre. L'amministratore delegato Christian Knöpfle, che con i suoi fratelli Suzanne e Andreas ha rilevato l'azienda nella seconda generazione nel 2009, è rimasto fedele al produttore di macchine fino ad oggi, e anche all'automazione.

Misurata in base al numero di dipendenti, 5, l'azienda dispone di un parco macchine considerevole, perché su un'area di produzione di circa 1500 metri quadrati ci sono un totale di 22 macchine Mazak - tutte automatizzate, ad esempio con sistemi pallet e shuttle o caricatori di barre.

L'ingresso dell'azienda nell'automazione assistita da robot è iniziato nel 2018, quando Christian Knöpfle è venuto a conoscenza di HALTER CNC Automation attraverso un responsabile delle vendite Mazak. Poco tempo dopo, il primo centro di tornitura/fresatura, un Mazak Integrex i-200ST, è stato accoppiato con un Halter Universal Premium.

Halter_Knoepfle_03Cella robotizzata compatta e altamente versatile
Le soluzioni di HALTER CNC Automation sono celle robotizzate compatte e altamente versatili in un'ampia varietà di design per torni CNC e fresatrici CNC, sviluppate per il carico e lo scarico automatico di pezzi simmetrici e rettangolari in rotazione, nonché di alberi lunghi. A questo scopo sono disponibili i più svariati portapezzi, tra cui, ad esempio, le cosiddette piastre a griglia come paracolpi con diverse capacità nell'HALTER Universal Premium. Mentre il robot sul davanti carica un centro di tornitura/fresatura CNC o rimuove pezzi finiti, un collaboratore sul retro può caricare il sistema con nuovi pezzi grezzi, senza dover interrompere la produzione in corso. La cella robotizzata si installa rapidamente e, come soluzione mobile, può anche essere riposizionata da una macchina all'altra se necessario.

Quattro nuovi sistemi robotici in pochissimo tempo
I vantaggi della prima cella robotizzata sono stati evidentemente convincenti, perché solo negli ultimi due anni l'azienda ha investito in quattro ulteriori soluzioni di automazione di Halter CNC Automation: due Halter Universal Premium aggiuntivi per un centro di tornitura/fresatura CNC e un centro di lavorazione a 3 assi, un Halter Big per un centro di tornitura/fresatura CNC Mazak i-200S e un Halter Turnstacker Compact 12 per un Mazak Quickturn Nexus 250-II MSY. Halter Big è un sistema di carico appositamente progettato per pezzi pesanti e quindi alberi lunghi fino a 800 mm. La soluzione altrettanto compatta e robusta integra un robot con una capacità di carico fino a 70 kg. Halter Turnstacker Compact, invece, ha un totale di 12 stazioni di impilamento per un elevato buffer di pezzi e pezzi finiti con una capacità massima fino a 385 pezzi.

Ancora più attenzione ai processi sicuri
Secondo Christian Knöpfle, l'automazione end-to-end lo ha costretto a pensare ancora più attentamente ai processi coinvolti. Tra le altre cose, si deve prestare attenzione alle temperature nella macchina in termini di precisione costantemente elevata durante la lavorazione dei pezzi, usura e disponibilità degli utensili, un adeguato approvvigionamento di refrigerante e, ultimo ma non meno importante, un'efficiente rimozione dei trucioli, per citare solo alcuni fattori per un'elevata sicurezza del processo.

Se questi e molti altri requisiti e sfide vengono gestiti in modo affidabile, ciò porta in ultima analisi ad una qualità di produzione costantemente elevata e quindi stabile con un notevole aumento della produttività grazie ad un significativo aumento dei tempi di produzione non presidiati, che a sua volta crea un potenziale per nuove capacità di produzione.

Fatturato raddoppiato in due anni
Halter_Knoepfle_04La Heinz Knöpfle GmbH sembra esserci riuscita molto bene, perché la produzione avviene 24 ore su 24 in tre turni con turni diurni presidiati e turni notturni e tardivi non presidiati. Le macchine funzionano anche nei fine settimana, in gran parte senza personale - con risultati altrettanto impressionanti.

Per esempio, i tempi di rotazione di alcune macchine accoppiate con celle robotizzate potrebbero essere triplicati. E con una macchina automatizzata, fino a 6.000 ore di mandrino all'anno.Allo stesso modo, il fatturato dell'azienda è raddoppiato in soli due anni grazie all'automazione coerente e lungimirante.

Nonostante il successo economico, Christian Knöpfle punta anche sulla sostenibilità. Dopo tutto, chiunque dia un'occhiata da vicino ai processi di automazione e alle loro periferiche scopre spesso un ulteriore potenziale di ottimizzazione. Ad esempio, il calore del sistema di estrazione viene recuperato per riscaldare i capannoni di produzione nei mesi freddi. Un trasportatore di trucioli temporizzato, a sua volta, permette di raccogliere i refrigeranti usati, trattarli e restituirli ai processi di produzione. Questo fa risparmiare risorse preziose e, naturalmente, costi.

Significativo aumento degli ordini anche grazie a nuovi clienti
Con una strategia di automazione mirata, la Heinz Knöpfle GmbH è riuscita a riposizionarsi come produttore a contratto e, non da ultimo, ad aumentare e consolidare la sua competitività. Grazie all'automazione, l'intera organizzazione della produzione, in primo luogo la produzione, può essere pianificata meglio, il che si riflette in un'affidabilità di consegna significativamente maggiore e in una qualità di produzione costantemente elevata con prezzi interessanti.

L'alta percentuale di ore di produzione non presidiate aumenta la produttività e in definitiva anche la capacità produttiva. Come risultato, negli ultimi anni l'azienda non solo è stata in grado di soddisfare ancora più ordini da parte dei clienti esistenti, ma ha anche conquistato una serie di nuovi clienti.

Chi ha successo può pianificare il futuro. Nel maggio 2021 è stata installata un'altra Mazak (HCN8800). E anche questa macchina è naturalmente collegata a un sistema di pallet e quindi automatizzata.